Saturday
11
Mar 2023
at 18:00

VERGINE MADRE

Teatro Pime, Milano

lucilla-giagnoni-pime2023-product.jpg

Product information

Canti, commenti e racconti di un’anima in cerca di salvezza dalla Divina Commedia di Dante Alighieri.
Sei tappe, come il numero di canti che vengono messi in scena, che diventano un vero e proprio pellegrinaggio nel mezzo del cammin di nostra vita, una strada che si rivela costeggiata da figure “parentali”. E quello che si compone, guarda caso, è il disegno di una famiglia.


Ad un certo punto la vernicetta patinata che ci ricopre, salta. Si scrostano ad una ad una le certezze: lavoro, futuro, democrazia. Gente che diventa sempre più ricca. Poveri, tanti poveri. Ignoranza. Esaurite tutte le considerazioni possibili, qualcuno ha anche manifestato apertamente, si è combattuto perché non fosse così. Ma così è stato. C’è la guerra, lo scannamento, il terrore e poi l’angoscia sottile e quotidiana. Si uccidono i bambini. Qualcuno ricorda che in fondo la fine del mondo c’è già stata, per qualcuno invece sono i segni di un’apocalisse prossima ventura. Forse non resta che pregare.
Sei canti della Divina Commedia, probabilmente i più noti. Sei tappe di un pellegrinaggio nel mezzo del cammin di nostra vita: Il viaggio (il primo canto dell’Inferno), La Donna (Francesca, il V), l’Uomo (Ulisse, il XXVI), il Padre (Ugolino, il XXXIII), la Bambina (Piccarda, il III del Paradiso), la Madre (Vergine Madre, il XXXIII del Paradiso). È la Commedia Umana di Dante, una strada che si rivela costeggiata da figure “parentali”: quello che si compone, guarda caso, è il disegno di una famiglia.
I canti non vengono spiegati, per quanto, ad essere sinceri, in gran parte siano incomprensibili all’ascolto. Ma sono anche parole incantatorie, quelle della Divina Commedia, parole taumaturgiche, rituali. Eternamente ripetute come le preghiere. Dalla lettura dei canti scaturiscono storie. Il lato oscuro di Ulisse, l’aspetto meraviglioso e terribile del padre, la santità dei bambini, la lussuria di tutte le donne, la grandezza della madre… un percorso ricco, sorprendente e, soprattutto, confortante. Come la preghiera.
La poesia e l’arte sono una tregua per gli affanni degli uomini. Per questo ho pensato che questo lavoro fosse destinato soprattutto alle chiese.
A cantare e raccontare storie è una donna. Perché più spesso sono le donne a pronunciare, senza mediazioni, il desiderio di pace. Sheherazade si salva “raccontando”. E perché sicuramente l’anima ha una voce femminile.
Da piccola sognavo di diventare santa. Ma non santa martire, che il martirio di fatto non mi convinceva del tutto, semplicemente santa. Non sono diventata santa: ho fatto l’attrice.
Per diventare santi bisogna pregare. Però raccontare storie è un po’ come pregare.
Come ci insegna Italo Calvino ne Le città invisibili, è cercare in mezzo all’inferno ciò che non è inferno e farlo durare, e dargli spazio. In questi ultimi tempi si può dire che sto pregando tanto.


di e con Lucilla Giagnoni
Collaborazione ai testi Marta Pastorino
Musiche Paolo Pizzimenti
Scene e luci Lucio Diana, Massimo Violato
Foto Migliavacca
Produzione TPE – Teatro Piemonte Europa

This event is organized by:
Fondazione Pime Onlus


Show More

Once the purchase has been made, it is not possible to change the location, the seat chosen, the type of buyer and in general cancel or refund the tickets.

All prices are inclusive of VAT

* Presale
** The service fees are calculated on the entire amount, it may differ slightly for rounding.
Choose tickets from the map

 Platea

Platea / Intero Web

15.00 + 1.27*  + 1.06**

Platea / Rid. Accademia Senza Frontiere Web

12.00 + 1.20*  + 0.86**

DELIVERY METHODS

Free
 

Do you need help?

To speed up the answer, write us all the useful information

WRITE US

Call us Monday to Friday from 9 to 13 and from 14 to 18.

Call

Enter the help section for more information.

F.A.Q

 

This site uses cookies to gather anonymous navigation data in order to provide you a better user experience.

More info